Le retour de Berlusconì: ovvero la discesa in campo vista dalla Francia

il-ritorno-di-berlusconi1

La notizia dell’ennesima discesa in campo di Berlusconi mi ha colto quando mi trovavo in Francia per un breve soggiorno e a dirla tutta mi ha lasciato piuttosto indifferente. Fino a ieri, quando ho avuto modo di scambiare due chiacchiere con Monique, la mia anziana vicina di casa.

Monique ha 68 anni, è una convinta sostenitrice dell’Ump – il centrodestra francese – delusa da Sarkozy, vede Hollande e il suo governo socialista come il fumo negli occhi ma è comunque capace di riconoscerne i meriti. Nel bel mezzo di una di quelle amene chiacchierate fra persone di nazionalità diversa  Monique mi spiazza con una domanda diretta: “Et Berlusconì, va-t-il revenir?”, ovvero Berlusconi tornerà davvero?

merkel-e-sarkozy-ridono-di-berlusconi

Non so che cosa risponderle, abbozzo e poi farfuglio che, sì, ormai è certa la sua candidatura ma che difficilmente vincerà. Non sto a spiegarle dei sondaggi, delle proiezioni, del fatto che il Pd si sta consolidando sempre di più.Monique non è soddisfatta, mi incalza e mi chiede che ne sarà di Mario Monti, ne loda le capacità e sottolinea che pur essendosi trattato di una medicina molto amara la situazione dell’Italia era tale per cui quella medicina doveva essere buttata giù, per quanto indigesta. Del resto lei, sarkozista convinta, mi spiega che Hollande sta vessando i francesi di tasse ma anche perché Sarkò ha lasciato un bel po’ di debiti. Sapesse mai cosa dice la maggioranza degli italiani di Monti, probabilmente direbbe che siamo dei folli.

mario_monti_fiducia_ok

Quella di Monique e di tanti altri francesi come lei (non solo dei socialisti e di quelli di sinistra) non è curiosità, è viva preoccupazione. Fino a qualche anno fa il nome Berlusconi pronunciato con l’accento sulla i era seguito da risolini sardonici, battute e cordiali prese in giro. Non siamo più zimbelli, siamo fonte di preoccupazione.I francesi, come molti altri abitanti di Eurolandia, non sono più preoccupati dalle corna nelle foto ufficiali o dai cucù alla Merkel. Per loro Berlusconi non è più il goliardico capo di Stato di un paese che confina con il loro. Il nome Berlusconi viene associato a parole come spread, crisi economica, debito, evoca il rischio che l’Italia possa seguire le sorti della Grecia e questa volta trascinare nel baratro altri paesi come la Francia che non se la passa poi tanto meglio.

In breve mi rendo conto che i sacrifici sopportati, un prestigio internazionale riconquistato a fatica e il lavoro fatto nell’ultimo anno rischiano di essere soltanto una fatica di Sisifo. Guardo sconsolato la mia interlocutrice, penso ai miei connazionali e mi auguro che almeno questa volta non si facciano incantare dal tele-imbonitore.

Alessandro Porro
@alexxporro

Annunci

3 risposte a “Le retour de Berlusconì: ovvero la discesa in campo vista dalla Francia

  1. Ti capisco e devo dire che forse la nostra immagine in certi casi è ancora peggiore… lavoro in Francia come Assitente di lingua italiana nei licei e qualche giorno fa spiegavo il sistema politico italiano (chi è il presidente della Repubblica, chi il presidente del Consiglio, che partiti ci sono, ecc.) e un’alunna (una brava, sveglia), mi interrompe per chiedermi: “Madame, ma perché ci spiega tutto questo? Tanto lo sanno tutti che in Italia chi governa in realtà è la mafia”.

    • Se per “mafia” intendiamo l’atteggiamento della nostra casta borbonica e la condotta da arraffoni allora l’alunna ha perfettamente ragione. Vado spesso in Francia da più di 20 anni e quello che fatico a far capire ai francesi come a molti altri stranieri è questo atteggiamento autodistruttivo. Per un francese, ad esempio, è impensabile che un funzionario possa distrarre denaro pubblico e farla franca così come è impensabile l’evasione fiscale (almeno a livello dei ceti medi e bassi perché poi ci sono i vari Depardieu, Delon, Arnault che evadono eccome).
      Poi, per carità, hanno pure loro dei problemi come mi spiegava la signora, ad esempio un sistema welfare che è un po’ sfuggito di mano e che non può più essere finanziato.
      Noi comunque rimaniamo lontani anni luce da un certo modo di pensare e di agire che, semplicemente, non è parte del nostro Dna.

  2. Sono d’accordo con te ma secondo me dire “non è parte del nostro DNA” è a sua volta un modo per in qualche modo giustificarsi, o almeno di distorcere il problema.
    Non credo che i francesi siano migliori di noi, semplicemente vivono in un sistema che funziona e che è normale che funzioni…
    Per esempio qui la prima cosa che ti chiede una mamma se cerchi lavoro come baby-sitter è di “metterti in regola” e pagarti i costributi. Cosa molto ardua da ottenere in Italia, al contrario.
    Questo perchè le mamme francesi sono tutte oneste e cittadine modello, mentre quelle italiane sono ladre e prive di sentimenti civici? No, semplicemente in Francia i costi della nounou si possono scaricare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...